freud

Hai bisogno di aiuto per una crisi personale? Basta far finta di essere Freud

Se siete nel bel mezzo di una crisi personale e cercando di capire la soluzione migliore, ecco un modo o che solo potrebbe aiutare a trovare la risposta: far finta di essere Sigmund Freud, e per voi lo stesso consiglio che ci si aspetta di ottenere dal padre della psicoanalisi.

Questa è l’idea alla base di uno studio della Università di Barcellona, che ha scoperto che un piccolo gruppo di partecipanti di sesso maschile che hanno adottato avatar di Freud in uno scenario di realtà virtuale si dava migliori consigli psicologici rispetto a quando l’hanno utilizzato i propri avatar.
“Vedere e interagire con se stessi al di fuori del proprio corpo ti dà una prospettiva diversa – è in qualche modo spesso è più facile risolvere i problemi di un amico diverso dal proprio – perché si esce dai propri confini “, l’autore dello studio, il dottor Mel Slater, professore presso Barcellona e l’University College di Londra, ha detto a The Huffington Post in una e-mail.
Per lo studio, che è stato pubblicato online il 10 settembre nella rivista Rapporti scientifici, i ricercatori hanno utilizzato “realtà virtuale immersiva”. Ventidue partecipanti di sesso maschile indossavano cuffie di realtà virtuale e sono stati “immersi” in una stanza di aspetto neutro con due avatar creati a loro somiglianza. “Incarnato” nella prima avatar, avrebbero descrito un problema. Poi, si sarebbero invertiti i ruoli, offrendo consigli dal punto di vista del secondo avatar. L’esperienza di essere un “sé consigliere” aveva lo scopo di imitare il modo in cui parliamo di noi stessi nella vita reale.
In una seconda esperienza di realtà virtuale, i partecipanti hanno spiegato il loro problema personale, come i propri avatar, ma parlavano di un avatar di Freud. Quindi, la persona si sarebbe trasferita alla persona di Freud per offrire consigli . Quando i partecipanti hanno parlato come Freud, la voce del loro audio originale sono stati approfonditi un passo in modo da suonare più come il medico.

In entrambi i casi, i partecipanti hanno riferito di sentirsi meglio sul problema personale. Tuttavia, quando sono stati incorporati nel corpo di Freud, hanno segnalato ancora maggiori miglioramenti. Presumibilmente, in qualità di una figura di autorità li rendeva più in grado di utilizzare il processo decisionale per lavorare attraverso il problema efficace, e li ha aiutati a staccarsi dai modi abituali di pensare.
“Il sé si identifica con alcune delle caratteristiche della persona incarnata”, ha detto Slater. “In altre parole, c’è un trasferimento dal corpo a ciò che il corpo rappresenta per sbloccare alcune capacità nel singolo soggetto.”
Lo studio era breve, e solo si sono osservati gli uomini. Slater ha scelto Freud dopo aver chiesto ai partecipanti con quale figura avrebbero voluto discutere un problema personale con. Ma anche senza tecnologia della realtà virtuale, le lezioni di questo piccolo spettacolo possono servire di esempio utile per affrontare la prospettiva di una figura autorevole quando è necessario ricevere consigli.
“Vi potete dare a voi stessi la consulenza se incarnate un altro corpo per parlare di nuovo a una rappresentazione di se stessi”, ha detto Slater. “Questo può essere utile come punto di partenza per l’auto-terapia. Chi ci conosce meglio di tutti siamo noi stessi, e questo metodo ci dà l’opportunità di uscire da noi stessi, rompendo dal nostro normale modi di pensare associato con il se, ma sempre sulla base della nostra conoscenza di se. ”
Così la prossima volta che non siete sicuri di cosa fare su un problema sul lavoro o sul vostro rapporto, provate a chiedervi a voi stessi.

Carolyn Gregoire

Senior Health & Science Writer, The Huffington Post

Condividi questo articolo:
Avatar

OrientamentoPsicologico.it

Autore dal:  May 8, 2019

short descirptowm wfwmfmflvvfef