no-name

Cinque modi per essere gentili con voi stessi quando soffrite d'ansia IM 1 www.psicologo-a-torino.it

Molti di noi si giudicano per il fatto di essere ansiosi. Pensiamo di essere deboli. Pensiamo di essere stupidi o ridicoli. Pensiamo che non dovremmo sentirci in questo modo – e, ironia della sorte, questi pensieri aggravano la nostra ansia.

Secondo la psicologa clinica Karin Lawson, “Quando qualcuno si sta giudicando per avere dei sentimenti, allora non si da spazio per capire come lenirli e muoversi attraverso le proprie emozioni.

E’ come se una persona che sta provando dolore fisico al braccio, si agitasse e volutamente stringesse i muscoli del braccio per cercare più forza. Ma questo ha solo l’effetto di coprire il ​dolore e crea maggiore disagio.

Eppure è comprensibile che succeda questo quando la nostra ansia raggiunge il picco. Dopo tutto, l’ansia può essere schiacciante. “L’ansia è un’emozione così potente perché ci sono sensazioni fisiche e sintomi insieme al disagio emotivo”, dice Lawson, che è anche un insegnante di yoga in uno studio privato nel sud della Florida, specializzata in ansia.

Si suda, aumenta la nostra frequenza cardiaca e la nostra respirazione diventa poco profonda. L’ansia colpisce il nostro sistema nervoso, l’apparato digerente, e il sistema immunitario, ha detto Stephanie Diamond, una psicologa e direttore clinico del Centro Oliver-Pyatt di Miami, in Florida. L’ansia può essere paralizzante. “In questo stato iper-eccitato, è davvero difficile fare una pausa ed essere gentili con noi stessi.” Ma essere gentile con noi stessi è qualcosa che possiamo praticare.

Qui di seguito, Lawson e Dimond ci danno cinque consigli utili.

Cinque modi per essere gentili con voi stessi quando soffrite d'ansia IM 3 www.psicologo-a-torino.it

Visualizzate l’ansia come un messaggero intelligente

Ricordate che le vostre emozioni “sono semplicemente dei messaggeri, che cercano di ottenere la vostra attenzione,” dice Diamond. Per esempio, l’ansia ci potrebbe cercare di dire che non siamo al sicuro o che non disponiamo di risorse sufficienti per far fronte alle richieste attuali.

“Provate ad accogliere il messaggio della vostra emozione, riflettete su di lui, e fatelo passare attraverso di voi come un’onda”.

Scegliete un’affermazione di supporto

Lawson lavora con i suoi clienti sulla formulazione di una semplice affermazione rassicurante che ricorda loro di essere gentili con sé stessi. Per esempio, alcuni dei suoi clienti utilizzano: “Gentile, gentile;” “Sei OK, anche se non ti senti OK,” o “Pace”. La Psicologa Tara Brach dice che utilizza: “Va tutto bene, tesoro”…

Si potrebbe anche scegliere qualcosa che avreste detto per calmare un bambino o rassicurare un caro amico, dice Dimond che fa questo esempio: “Va bene che tu ti senta in ansia; è una sensazione normale. Sei al sicuro e questa sensazione passerà. 

 La chiave è quello di trovare delle dichiarazioni calmanti che funzionino per voi”, dice Lawson.

Cinque modi per essere gentili con voi stessi quando soffrite d'ansia IM 4 www.psicologo-a-torino.it

Datevi il permesso

“Così tante volte viviamo con una figura di autorità nella nostra testa che ci dice quello che dobbiamo fare o quello che avremmo dovuto fare “, dice Lawson. Invece, lei ci suggerisce di rispondere alle nostre esigenze del momento. Per esempio, questo potrebbe significare darci il permesso di urlare in un cuscino o prendere una pausa da un ambiente pieno di ansia.

Tuttavia, è importante assicurarsi che non ci stiamo dando il permesso di evitare le situazioni ansiogene, perché questo intensifica solamente e perpetua la nostra ansia. In altre parole, non fuggire una situazione. Non evitare di fare un esame o una riunione con un cliente. Invece, darci il permesso per “una boccata d’aria fresca, per ottenere un rinnovato senso di capacità di tornare lì e fare ciò che deve essere fatto”.

A volte, non sappiamo di che cosa abbiamo bisogno. Questo è quando si può divenire curiosi ed esplorare. “Forse non è chiaro di che cosa abbiamo bisogno, ma abbiamo l’opportunità di fare un po’ di ginnastica, quindi proviamoci. Ha funzionato? Forse sì forse no. Cerchiamo di provare qualcosa di diverso quando ne abbiamo la possibilità “, ci raccomanda Lawson.

Perché l’ansia è un’emozione fisica, viscerale, a volte abbiamo un’idea di ciò che il nostro corpo vorrebbe. Così potremmo chiederci se ci sentiremmo bene a fare una passeggiata e stare fuori o sdraiarci e concentrarci sulla nostra respirazione.

Lavorare con il proprio corpo

“Perché l’ansia è un’emozione così energica, strategie fisiche sono spesso utili”, spiega Lawson. Per esempio, potrebbe servire andare a fare una passeggiata intorno al vostro edificio o fare le scale.

Se vi trovate in una situazione in cui non si può uscire, come ad esempio una riunione o un autobus, ha suggerito di fare esercizi isometrici, come: “stringere i muscoli delle gambe e i glutei, afferrare con discrezione la parte inferiore della sedia e tirare su con le braccia, mentre le gambe e l’addome lavorano per tenervi seduti”.

“Lavorando con il vostro corpo e cercando di aiutarlo a stare più tranquillo, siete impegnati in una sorta di atto di auto-compassione”

Cinque modi per essere gentili con voi stessi quando soffrite d'ansia IM 2 www.psicologo-a-torino.it

Alleggerire il carico

“Un ottimo modo per mostrare gentilezza verso voi stessi è alleggerire il carico condividendo la vostra lotta con un amico o un terapista di fiducia”, dice Diamond. Lasciate che gli altri vi aiutino ad attraversare la vostra ansia. “Siamo mammiferi, dopo tutto, e come tali, tutti abbiamo bisogno di persone”.

In ultima analisi, ricordate che non siete soli nel modo in cui vi sentite. Lawson ha menzionato la “comune umanità”, la terza parte della definizione di Kristin Neff di auto-compassione. L’ansia è un’esperienza comune, che tutti condividono. Cioè, “tutti noi, come esseri umani, a volte ci sentiamo ansiosi, insicuri, incerti, timorosi e persi, nella nostra vita”, ha detto Lawson.

Ricordate a voi stessi che si può praticare l’auto-compassione. Ci si può trattare da soli con dolcezza. Non è necessario punire sé stessi per un’esperienza che ognuno di noi ha e con cui ognuno di noi lotta. Invece, noi meritiamo sostegno. La cosa bella è che possiamo darci questo sostegno in qualsiasi momento.

Collegamento alla fonte in lingua originale